• Musica per ballerini

    "I musicisti sono ballerini e i ballerini sono musicisti"

    Prenota Andy Wasserman



    Creare musica per far ballare le persone è una delle più grandi gioie che un musicista possa sperimentare.

    Wasserman ha trascorso decenni a comporre, esibirsi, accompagnare e lavorare come direttore musicale per ballerini jazz, tap, africani, moderni e improvvisati.

    È il creatore e presentatore di una serie di seminari partecipativi con istruzioni originali con libri di testo e CD audio di accompagnamento intitolato "Music for Dancers".


    The Magnetic Alliance of Sound & Movement

> <
  • 1

Fai clic sulla bandiera del tuo paese per tradurre il sito Web

enafsqarhyazeubebgcazh-CNzh-TWhrcsdanlettlfifrglkadeelhtiwhihuisidgaitjakolvltmkmsmtnofaplptrorusrskslesswsvthtrukurvicyyi

Musica per ballerini

Andy Wasserman è specializzato nella creazione e nell'esecuzione di musica che fa desiderare alle persone di ballare, muoversi e coreografare. Ha trascorso decenni in collaborazione con una varietà di ballerini e compagnie di danza in qualità di solista, accompagnatore, compositore / arrangiatore, artista discografico e direttore musicale.

Andy compone ed esegue accompagnamenti musicali originali dal vivo e su registrazioni per ballerini negli idiomi Jazz, Tap, Africano, Moderno e Improvvisazione per coreografi e artisti di danza premier che hanno incluso The Copasetics (Cookie Cook, Honi Coles, Bubba Gaines, Buster Brown, Ernest "Brownie" Brown e Gip Gibson), Savion Glover, Jimmy Slyde, Dianne Walker, Jane Goldberg, Jason Samuels, Sam Weber, Fayard Nicolas, Acia Grey, Brenda Buffalino, Katherine Kramer, Robert Reed, Omar Edwards, Dormeshia Sumbray-Edwards, Shelley Oliver, Van Porter, Ardie Bryant e Nicole Hockenberry tra molti altri.

Ha svolto un ampio lavoro come direttore musicale e accompagnatore per i Jazz Tap Dance Festival. Inoltre, affrontando questa profonda connessione tra musica e danza, Andy ha creato un corso e un libro con il CD di accompagnamento intitolato "Music for Dancers". È adatto a qualsiasi stile di danza, ma in particolare al mezzo di tap dance ritmica Jazz. Andy ha tenuto questo corso in numerosi festival di danza tra cui The Rhythm Explosion (Bozeman, Montana), il Festival "Tap City" di New York e il Tap Festival di St. Louis.

L'accompagnamento per pianoforte di Andy è visto e ascoltato nel video documentario "Great Feats of Feet" come pianista per le prove e in concerto con il Copasetics. Ha suonato il piano nella "Chocolateers Band" che ha accompagnato le ballerine Sandra e Gip Gibson, ed è stato direttore musicale degli spettacoli di tap dance di Jane Goldberg, esibendosi a New York City e al Jacobs Pillow. Andy ha trascorso oltre 10 anni lavorando come accompagnatore di piano e percussioni per numerose lezioni di danza ogni settimana nelle principali scuole di danza di New York, New Jersey e Massachusetts.

Andy Wasserman è attualmente disponibile per collaborazioni come

  • compositore e arrangiatore per coreografi
  • esecutore di accompagnamenti musicali per concerti di danza
  • produttore di registrazioni personalizzate di colonne sonore da studio per ballerini
  • direttore musicale del festival per ballerini, coreografi e gruppi di danza
  • capo officina e artista residente che presenta il suo corso originale e il libro intitolato "Music For Dancers".

divisore 2

Il seguente estratto da una tesi curata scritta da ballerina ed educatrice professionista Ekaterina Kuznetsova descrive l'ispirazione che ha ricevuto dalla partecipazione La serie di seminari di cinque giorni di Wasserman "Music for Dancers" ed è un contributo al suo processo di coreografare un nuovo progetto intitolato "One" (2006, University of Alaska at Anchorage):

Come con molte altre mie opere precedenti, questo progetto è servito da catalizzatore per diverse trasformazioni significative della mia vita di ballerino, coreografo, educatore e essere umano. La motivazione iniziale di "One" è nata dalla mia esperienza durante l'estate del 2005 in un festival di danza chiamato Rhythm Explosion a Bozeman, nel Montana. Mentre ero lì, sono stato ispirato da molti pensieri, idee e avvenimenti, ma l'esperienza più critica in relazione alla realizzazione di "One" è stata una serie di seminari in un corso chiamato Musica per ballerini, creato e insegnato dal direttore musicale del festival, Andy Wasserman.

La natura della classe ha sollevato le stesse vecchie domande: perché facciamo quello che facciamo come artisti? Che cos'è la verità in opposizione all'espressione della verità? Cos'è la musica? Cos'è la danza? Cercare risposte a queste domande potrebbe facilmente diventare un'incredibile passeggiata in circoli continui, ma invece questo viaggio mi ha veramente portato in nuovi territori del mio essere. Mi sono sentito coinvolto concettualmente, fisicamente e spiritualmente come allievo, artista e persona. È stata un'esperienza di risveglio in molti modi; un'esperienza così potente che ho pianto quasi ogni mattina durante le lezioni.

Ad esempio, durante il nostro penultimo incontro, Andy stava parlando del concetto di "down beat" ritmico e dei modi per trovarlo. Ha offerto le seguenti spiegazioni: unità, il ritmo della propria vita, rilassarsi nella gravità ritmica o semplicemente fare un profondo accordo emotivo - simile a come ci si sente ad innamorarsi.

Verso la fine della lezione, ci siamo seduti in cerchio intorno ad Andy, con gli occhi chiusi, ad ascoltarlo suonare un tamburo jembe. Ricordo di aver sentito il mio corpo come un ponte - ho sentito una connessione al ritmo del tamburo, al mio cuore, alla gravità, al cielo, all'amore, alla sofferenza, a tutti e tutto intorno a me. Ho visto una struttura connessa che si estendeva ben oltre i limiti fisici della stanza. Ho sentito e sentito il mio cuore battere, così come il pulsare del sangue attraverso il mio corpo. In quel momento, non avevo dubbi sulla mia intima connessione con lo spazio sopra, intorno e sotto di me.

Subito dopo, mi sono sentito come un geyser di lacrime calde. In meno di pochi minuti, il mio passato e il mio presente si sono incontrati e in qualche modo hanno fatto eco al futuro. Forse è stato semplicemente perché ero più aperto e disponibile ad ascoltare che tutto è diventato rilevante per il mio essere. Ogni giorno da allora, mi sembra di essere stato più consapevole di quell'energia circolare - la mia connessione con tutto e tutti. È come ascoltare il ritmo di un cuore più grande che fa circolare l'aria e il mio sangue, iniziando il movimento dentro e fuori il mio corpo. Questa è la mia danza, la mia musica e la mia vita. Questo è il motivo per cui faccio quello che faccio come artista, educatore e essere umano.

Un altro concetto che mi ha fatto pensare in modo critico al "perché" e al "come" delle cose riguardava le molteplici dimensioni del tempo. Avevo esplorato queste idee prima come ballerina e coreografa, ma non avevo mai pensato a come queste mi avessero influenzato come persona. Ad esempio, se l'atto di improvvisazione esiste nel tempo verticale, allora che dire dei ricordi, dell'amore e della saggezza? Hanno una dimensione temporale? Come sappiamo che il tempo esiste?

Avvolto da una nuova consapevolezza del centro, del tempo, dei sentimenti, dei valori, delle immagini e dei suoni, sono diventato più interessato alla conversazione umana. Volevo ascoltare di più me stesso, ogni individuo e l'intera sinfonia di suoni che accompagnano il mio vivere giorno e notte. Al mio ritorno dal seminario, ho iniziato a prestare ancora più attenzione a come i ritmi relativamente stabili del mio essere (come, ad esempio, il battito del mio cuore, il battito cardiaco, il respiro, il camminare e la masticazione) si mescolavano con i suoni casuali del mio ambiente quotidiano (come traffico, pioggia, uccelli, voci umane, TV, computer, stampante, tastiera, acqua nel lavandino, passi e smaltimento dei rifiuti). Questo collage sonoro è diventato la mia continua ispirazione per creare movimento quando abbiamo iniziato a provare per la mia danza intitolata "One".

Ho trovato molto interessante che solo due giorni dopo aver deciso di chiamare questo lavoro creativo "Uno" ho appreso l'assunto metafisico che tutto l'essere è uno. Questo momento mi ha portato al punto di partenza di quel momento nella classe di Andy in cui ho pianto a crepapelle perché ho sentito qualcosa di vero dentro e fuori di me.

Anche se non me ne sono reso conto all'inizio del processo, molti modi di vedere la danza riunirsi si sono formati in risposta alla spiegazione del ribasso di Andy. Alcune settimane prima della prima di questo pezzo, durante una lezione di tecnica di danza moderna, che ho preso due volte alla settimana per diversi anni, mi sentivo come se stessi ascoltando la musica e vedendo il movimento in modo diverso, come se entrambi avessero una trama diversa da quello che sapevo fosse.

La forma del movimento non aveva più senso fisico per me. È stata un'esperienza alquanto spaventosa, ma emozionante. Mi sentivo come se fossi riuscito a trovare una piccola apertura in un altro mondo per sbirciare un'altra dimensione di me stesso, degli altri e della materia oltre gli oggetti fisici.

Quel giorno, ho lasciato la classe pensando all'armonia. L'ho descritto nel mio diario come una sensazione che arriva quando ogni conchiglia cade. Forse l'amore, come la danza, è qualcosa che esiste costantemente, come una scultura che è già lì? E se innamorarci e imparare attraverso l'amore fosse la nostra possibilità di vedere, evolvere, ricordare e ritrovarci veramente in connessione con il mondo? Queste domande continuano a fluire senza limiti, offrendo una gamma più ricca di idee con cui convivere.

divisore 3